Provincia di Lucca - Servizio Politiche Sociali

Vai ai contenuti

Inizio contenuti

Progetto "Impossibile... Arte possibile"


Il Progetto è promosso dalla Provincia di Lucca in collaborazione con le Associazioni di Volontariato e del Terzo Settore del territorio provinciale, che operano nell’ambito culturale e della disabilità, e persegue l’obiettivo di favorire l’integrazione delle persone disabili nel proprio contesto di vita attraverso l’esperienza artistica. Infatti l’arte "è fatta di diversità come tutto ciò che è toccato dalla creatività" e permette alle persone di "liberare" se stessi e sentirsi liberi di esprimersi, al di là dei condizionamenti culturali. Attraverso l’arte si intende favorire l’incontro e la conoscenza tra le persone, per far "sperimentare" delle situazioni in cui ogni individuo può esprimere se stesso, nella propria identità, diversa nel modo di essere, di pensare e di agire.

Il progetto è al sesto anno di realizzazione e il suo avvio è stato stimolato da una proposta, fatta da Michele Moretti, ragazzo con disabilità fisica, di realizzare un video finalizzato a stimolare occasioni di riflessione e di conoscenza su come le persone disabili vivono e impiegano il loro tempo libero. La Provincia, Servizio Politiche Sociali, ha accolto questa proposta coinvolgendo le associazioni che operano nel settore e già avevano realizzato le iniziative promosse in occasione dell’anno della disabilità. Dalla riflessione comune stimolata dalla proposta di Michele è emerso che nella maggior parte dei casi le persone disabili sono inserite solo in attività, di vario tipo, organizzate dalle istituzioni presenti sul territorio provinciale, ma non usufruiscono di opportunità collegate alla sfera del tempo libero, perché manca una cultura della diversità intesa come caratteristica fondamentale della condizione umana che permette una partecipazione condivisa, il confronto e l'arricchimento reciproco.

Ulteriori riflessioni sono emerse dall’incontro con Associazioni culturali coinvolte nel progetto con l’obiettivo di sensibilizzare il territorio ad una cultura che valorizzi la diversità di ognuno attraverso l'espressione artistica, che per sua natura già si nutre di diversità mettendo insieme forme espressive differenti, parole, armonie, ritmi e gesti.

Il percorso si è basato sull'idea che la diversità che caratterizza ogni persona deve essere accettata prima di tutto dall'individuo stesso, ma è necessaria anche per accogliere e incontrare l'altro, l'esperienza artistica, in questo senso, diviene pratica comunitaria anche di cura. Infatti la Cura è ricerca dell'altro: quello che è in noi e quello che è fuori di noi. L'arte permette di stabilire un contatto con la nostra interiorità e con quella degli altri che incontriamo, scoprendo e accettando le diversità che appartengono ad ognuno di noi.

Cura di sè e cura dell’altro appartengono, con caratteristiche e opportunità diverse, ad un unico obiettivo attuato da Associazioni che operano nell'ambito della Disabilità, da Associazioni Culturali e dalle Istituzioni e ha portato alla realizzazione del programma di spettacoli, laboratori aperti a tutta la cittadinanza che si sono svolti negli anni 2005 e 2006.
Nel 2007 il percorso del Progetto "Impossibile…Arte Possibile" elaborato dal gruppo di lavoro costituito dai referenti dalle Provincia di Lucca e delle Associazioni di Volontariato e del Terzo settore coinvolte, è stato presentato durante il Convegno "Teatro, identità, diversità", che si è svolto in data 10 febbraio 2007 a Lucca. In tale iniziativa è stato affrontato il tema del teatro quale strumento di integrazione sociale. In tale occasione è stato presentato il programma dell’anno 2007 che ha previsto dei Laboratori artistici esperenziali sul tema comune dei sensi e un laboratorio formativo, "Introduzione alle metodologie del Dramming" che integra metodologie di counseling e di teatro contemporaneo.

Queste iniziative si sono svolte, da febbraio a giugno 2007, sulle tre zone della Provincia di Lucca, per permettere la maggior partecipazione possibile delle persone interessate. E’ possibile visualizzare i "pensieri" scritti dai partecipanti ai laboratori.

Durante l’anno 2007 è stato realizzato anche un percorso di confronto, coordinato dal Dott. Vito Minoia, docente di Teatro di Animazione alla Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Urbino tra esperti teatrali che avevano maturato esperienze nella condizione di gruppi sul tema del teatro sociale.

In data 15/09/07 si è svolto un incontro pubblico in cui sono state presentate le attività realizzate nei laboratori artistici esperenziali e le attività di formazione e di approfondimento sul tema del teatro sociale.
Durante tale incontro le Associazioni e Compagnie teatrali del territorio , che svolgono attività di teatro sociale si sono presentate.

Inoltre dal mese di ottobre 2007 è iniziato un corso di formazione dal titolo "Impossibile… Integrazione Possibile" promosso dall’Associazione "Maria Antonietta e Renzo Papini" rivolto ai volontari e finalizzato a far acquisire loro conoscenze legate sia all’aspetto della relazione sia alle metodologia artistica per poter integrare persone con disabilità in attività artistica svolte da normoabili.
L’idea del corso è maturata nell’ambito del Progetto “Impossibile… Arte Possibile” ed è stato possibile realizzarlo grazie al finanziamento del CESVOT e all’impegno di tutte le Associazioni coinvolte.

L’Amministrazione Provinciale di Lucca e un gruppo di Associazioni del Forum del Volontariato e del Terzo Settore che operano negli ambiti della disabilità, della cultura e del teatro hanno continuato a credere ed impegnarsi nel progetto che rappresenta uno strumento di crescita umana e di arricchimento reciproco attraverso il confronto e il lavoro comune portato avanti con una concreta e aperta collaborazione tra Ente Pubblico e Volontariato fin dall’idea progettuale. Nel 2009 quindi il progetto ha ripreso le attività con una nuova proposta di laboratori esperienziali e formativi rivolti a tutti gli interessati che si stanno realizzando in questo periodo nei diversi territori della provincia sul tema comune “SPAZIO ESPERIENZE EMOZIONI” e “Introduzione al Draming®”, che si è concluso con un incontro finale in giugno a Lucca, nel Palazzo Ducale.

Nei giorni 12, 13 e 14 giugno 2009, è stato realizzato presso le sale e i cortili di Palazzo Ducale il Festival delle possibilità che ha coinvolti i partecipanti al progetto Impossibile Arte possibile, insieme con le associazioni culturali del territorio che hanno partecipano al progetto “Senza sipario” che sono intervenute con spettacoli, musica, cori e animazione varia.
Per l’anno 2010 il Progetto propone varie esperienze Artistiche che si realizzano sulle tre Zone della Provincia di Lucca e un Festival che si svolgerà nel mese di maggio p. v. a Lucca. Le Associazioni Partecipanti a “Impossibile Arte Possibile” nell’anno 2010 sono:
l’Associazione VIII Laboratorio, l’Associazione And or Margini Creativi, l’ Associazione Socio Culturale "Il Castello", l’ Associazione Artistico Culturale Laboratorio Brunier, l’ Associazione Amici delle Arti - Fuoricentro, la FITA – Federazione Italiana Teatro Amatori, l’ Associazione Archimede, il Gruppo Volontari della Solidarietà, il Laboratorio Teatrale "Contafole", l’Associazione Filo D’Arianna, l’Associazione AEDO, l’ Associazione di Volontariato Operazione Uomo Onlus IL MANDALA, la Cooperativa Sociale Crea, l’Associazione L’Uovo di Colombo e l’Associazione Clinamen.

Le Associazioni che nel corso degli anni hanno reso possibile il Progetto "Impossibile… Arte Possibile" che operano nell’ambito della disabilità e della cultura e sono le seguenti: l’Associazione VIII Laboratorio, l’Associazione And or Margini Creativi, l’ Associazione Socio Culturale "Il Castello", l’ Associazione Artistico Culturale Laboratorio Brunier, l’ Associazione Amici delle Arti - Fuoricentro, la FITA – Federazione Italiana Teatro Amatori, l’ Associazione Archimede, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, l’ENS - Ente Nazionale Sordomuti, la FASM – Associazione Famiglie per la Salute Mentale, l’ANFFAS – Associazione Nazionale Famiglie di disabili intellettivi e relazionali, l’Associazione Maria Antonietta e Renzo Papini, l’Associazione Down Lucca, il Gruppo Volontari della Solidarietà, il Laboratorio Teatrale "Contafole", l’Associazione Filo D’Arianna, l’Associazione AEDO, l’ Associazione di Volontariato Operazione Uomo Onlus IL MANDALA, la Cooperativa Sociale Crea, l’Associazione L’Uovo di Colombo, l’Associazione Clinemen e l’Associazione USLESCIO’.

Torna all'inizio dei contenuti